Il panettone artigianale, delizia del palato

Il panettone artigianale, delizia del palato

Cosa sarebbero le feste natalizie senza un panettone?
Questo dolce tipico della tradizione milanese ha conquistato i palati di tutta Italia ed è diventato uno dei simboli del Natale a tavola.
Il panettone si riconosce facilmente per la sua forma a cilindro e la parte superiore cosparsa di mandorle e granella di zucchero. A chi non viene ogni volta la tentazione di allungare la mano e staccare qualche mandorla?
La ricetta tradizionale del panettone prevede l’utilizzo di uova fresche, burro, uvetta e canditi. Se il pasticcere ha seguito con scrupolo le indicazioni, dovrebbe sfornare un dolce dall’impasto morbido, profumato di agrumi e con il lieve sentore di pasta acida, dovuto alla lievitazione naturale.
È questo che i milanesi chiamano panetton candìo.

Chiamalo panettone solo se…

Preparare un panettone come si deve non è un’impresa tanto semplice.
Si tratta di un dolce che richiede pazienza, attenzione ed esperienza.
Per un vero panettone artigianale si devono utilizzare solo ingredienti freschissimi e di prima qualità, e non si deve avere fretta. Infatti, i tempi di lavorazione dipendono dalla lievitazione naturale, perciò sono piuttosto lunghi.
È chiaro che, con queste prerogative, solo una produzione artigianale, o di alta qualità industriale, si possono adeguare e garantire un prodotto conforme.
A maggior ragione perché non sono ammessi conservanti e coloranti!
E non basta. Per essere un vero panettone artigianale, le materie prime devono rispettare determinate proporzioni.
Per esempio, il burro deve corrispondere a circa un terzo dell’insieme, così come il mix di canditi, uvetta e scorze d’agrumi, e le uova devono essere il 10%.
E badate bene che dell’uovo viene impiegato solo il tuorlo, che dona il tipico colore giallo all’impasto!

Allora ecco l’elenco di tutti gli ingredienti dell’originale panettone milanese:

  • Farina
  • Burro
  • Uova fresche e/o tuorli pastorizzati
  • Zucchero
  • Frutta candita (in particolare arancia e cedro)
  • Uvetta sultanina
  • Acqua
  • Vaniglia
  • Lievito naturale
  • Sale

Il panettone tra storia e leggenda

Per chi fosse curioso di scoprire chi ha inventato il primo panettone della storia si possono raccontare ben due storie.
La prima narra di un giovane falconiere di Milano che divenne garzone alla bottega di un fornaio per conquistare il cuore della sua bella figlia. Fu così che inventò un nuovo dolce, impastando farina, uova, burro, uva sultanina e miele. Oltre all’amore della donzella ottenne l’approvazione di tutti per l’inedita creazione.
La seconda ci porta alla corte di Ludovico il Moro, per la precisione nelle sue cucine, dove un cuoco sbadato bruciò il pane destinato al banchetto di Natale.
A salvare la situazione fu lo sguattero Toni che, messo insieme quel che era avanzato nella dispensa, farina, burro, uova, scorze di cedro e uvetta, cucinò il primo panettone, il “pane di Toni”, con l’approvazione degli invitati del Duca.
Qualunque sia la vera storia del panettone, resta senza dubbio il dolce tipico del Natale.

Il panettone artigianale e quello industriale

All’inizio del secolo scorso erano i molti fornai e pasticceri dell’area milanese a sfornare i panettoni ma, con l’avvento delle grandi industrie, la produzione si è spostata anche in altre zone dell’Italia.
La Grande Distribuzione Organizzata ha poi contribuito alla diffusione dei panettoni su tutto il nostro territorio peninsulare ma solo gli artigiani riescono a preparare un prodotto di comprovata qualità che rispetta la ricetta tipica.
La pasticceria Bonfi è tra quelle che si dedicano alla produzione di panettoni tradizionali nell’area bolognese, scegliendo con attenzione le materie prime e rispettando i tempi imposti dalla lievitazione naturale.
Quel che si ottiene è un dolce soffice dal sapore genuino, che richiama ad ogni boccone il gusto delicato degli ingredienti, il burro, le uova e gli agrumi.
I panettoni artigianali di Bonfi portano una nota dolce a tutte le festività e sono un ottimo regalo, gustoso e prelibato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Wordpress Social Share Plugin powered by Ultimatelysocial